L'Assemblea dei Soci della Società della Salute della Lunigiana ha approvato due bandi aperti per favorire l'inserimento delle organizzazioni che operano sul territorio lunigianese nel Comitato di Partecipazione e nella Consulta del Terzo Settore, organismi attraverso i quali, in base allo statuto, la SdS Lunigiana promuove la partecipazione dei cittadini e degli operatori alle scelte del consorzio.
La decisione di dare il via libera a questi due bandi è stata presa tenendo conto dell'ingresso del Comune di Fosdinovo nella SdS Lunigiana e in virtù della necessità di promuovere il massimo coinvolgimento delle comunità locali, delle parti sociali, della cooperazione sociale e degli altri soggetti del terzo settore nell'individuazione dei bisogni di salute e nel processo di programmazione.
Scendendo nei dettagli dei due bandi aperti, questi hanno lo scopo di favorire la più ampia partecipazione delle organizzazioni al Comitato di Partecipazione e alla Consulta del Terzo Settore.
Il Comitato di Partecipazione è composto da membri nominati dall’Assemblea dei Soci tra i rappresentanti della comunità locale, espressione di soggetti della società che rappresentano l’utenza che usufruisce dei servizi, nonché espressione dell’associazionismo di tutela e di promozione e sostegno attivo, purché non erogatori di prestazioni; la Consulta del Terzo Settore è composta da membri nominati dall’Assemblea dei Soci tra i rappresentanti delle organizzazioni del volontariato e del terzo settore presenti in maniera rilevante nel territorio e operanti in campo sanitario e sociale.
Sono ammessi alla presentazione della domanda per partecipare al bando sul Comitato di Partecipazione i soggetti che svolgano, da un periodo non inferiore ad un anno, attività rivolte alla promozione della cittadinanza e della comunità e che non siano erogatori di prestazioni o servizi a favore degli utenti, fatte salve le realizzazioni di attività occasionali (eventi, iniziative una tantum), lo svolgimento di attività di ascolto/orientamento/counceling rivolte agli utenti finali e/o l’organizzazione di attività formative, mentre sono ammessi alla presentazione della domanda per partecipare al bando sulla Consulta del Terzo Settore i soggetti che svolgano, da un periodo non inferiore ad un anno, attività in ambito socio-sanitario e/o socio-assistenziale o, più in generale, attività rivolte al benessere della persona.
Ecco gli altri requisiti comuni ai due bandi: avere sede legale compresa nel territorio dei 14 Comuni della SdS Lunigiana ovvero con sede legale presso altri Comuni del territorio della Regione Toscana, ma con significativa e documentabile esperienza operativa effettuata nell’ultimo biennio all’interno del territorio dei 14 Comuni della SdS Lunigiana; essere iscritti agli albi previsti dalla normativa vigente in materia per le categorie di appartenenza (cooperative, associazioni, volontariato, etc); non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione, di cessazione di attività o di concordato preventivo e in qualsiasi altra situazione equivalente, né con in corso un procedimento a proprio carico per la dichiarazione di una di tali situazioni; non risultare a carico del rappresentante legale (e/o dei soci e degli amministratori dotati di potere di rappresentanza) alcuna condanna, con sentenza passata in giudicato, per reato che incida gravemente sulla moralità professionale o per delitti finanziari.
Da sottolineare che, trattandosi di bandi aperti, le domande potranno essere presentate in qualsiasi momento, poiché non vi sono termini di scadenza di presentazione della domanda.


Aulla, 23 luglio 2015


                                                                                                     L’ufficio stampa
                                                                                                       SdS Lunigiana