Riaperto il bando per aderire al progetto “Home Care Premium”

Un progetto importante, che rappresenta una grande opportunità per potenziare i servizi per l’assistenza domiciliare, il cui ente capofila nella nostra zona è la Società della Salute della Lunigiana.

E’ stato riaperto e lo resterà fino al prossimo 30 marzo il bando per aderire al progetto “Home Care Premium 2017” dell’INPS, che presenta diverse e sostanziali novità rispetto al passato.
Infatti, pur rimanendo destinato ai dipendenti e pensionati pubblici, ai loro coniugi, ai parenti e affini di primo grado non autosufficienti, la prima novità è rappresentata dal fatto che il bando è riservato a persone in possesso di un verbale di invalidità dal 67% al 100% con accompagnamento (minori, invalidi civili di età compresa fra i 18 e i 65 anni e invalidi civili ultra65enni).
Il progetto “Home Care Premium”, nato nel 2010, consente l’erogazione di una prestazione finalizzata a garantire la cura, a domicilio, delle persone non autosufficienti iscritte alla Gestione Unitaria delle Prestazioni Creditizie e Sociali e/o loro famigliari, prevedendo l’erogazione da parte dell’INPS di contributi economici mensili, da un minimo di 100 a un massimo di mille e 50 euro, in favore di soggetti non autosufficienti, contributi che, in base al nuovo bando, prenderanno la forma di un rimborso delle spese sostenute per l’assunzione di un assistente familiare, il badante, che dovrà essere assunto esclusivamente con un contratto di lavoro domestico di durata almeno pari a quella del progetto.
Ed è dal 1° luglio prossimo e fino al 31 dicembre 2018 che si dispiegherà il progetto “Home Care Premium”, il cui fine è individuare 30mila persone che fruiranno dei contributi a livello nazionale, la cui graduatgoria verrà pubblicata sul sito web dell’INPS entro il 20 aprile prossimo.
Venendo ai beneficiari del progetto, questi sono i dipendenti iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e i pensionati utenti della gestione dipendenti pubblici, nonché, laddove i suddetti soggetti siano viventi, i loro coniugi, per i quali non sia intervenuta sentenza di separazione, i genitori e i figli anche non conviventi, i soggetti legati da unione civile e i conviventi ex legge n. 76 del 2016.
Possono beneficiarne anche i giovani minori orfani di dipendenti già iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e di utenti pensionati della gestione dipendenti pubblici, fermo restando che i beneficiari devono essere individuati tra i soggetti maggiori o minori di età disabili.
Da sottolineare, poi, che non è necessario avere l’assistente familiare al momento della presentazione della domanda.
Di primaria importanza è il fatto che all’atto della presentazione della domanda, deve essere stata
presentata la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per la determinazione dell’ISEE sociosanitario, riferita al nucleo familiare di appartenenza del beneficiario, mentre non meno importante è la procedura di presentazione della domanda, visto che prima di procedere alla sua compilazione, occorre essere iscritti in una apposita banca dati, ossia essere riconosciuti dall’INPS come richiedenti della prestazione.
La domanda di iscrizione in banca dati, compilabile tramite il modulo “Iscrizione in banca dati”, è prelevabile dalla sezione “Modulistica” all’interno del sito web www.inps.it.
Inoltre, per la presentazione della domanda di assistenza domiciliare è necessario, da parte del soggetto richiedente, il possesso di un “PIN” dispositivo utilizzabile per l’accesso a tutti i servizi in linea messi a disposizione dall’INPS, che può essere richiesto on line, sempre accedendo al sito web www.inps.it, oppure presso gli sportelli delle sedi INPS.
Per chi sceglie di non utilizzare la procedura on line, la SdS Lunigiana mette a disposizione una rete di sportelli, denominati “Sportelli di informazione sociale HCP 2017”, presso i quali ci si potrà recare di persona per ottenere informazioni sul bando e per ricevere aiuto nella compilazione e nella presentazione delle domande.
Gli sportelli sono attivi presso i Punti Insieme dei presidi distrettuali di Aulla (piazza della Vittoria 22), il lunedì (dalle ore 8,30 alle ore 10,30), il martedì (dalle ore 10 alle ore 12), il mercoledì (dalle ore 10 alle ore 13) e il venerdì (dalle ore 14 alle ore 17); di Fivizzano (salita San Francesco), il martedì (dalle ore 9 alle ore 12); di Pontremoli (via Mazzini 48), il lunedì (dalle ore 13 alle ore 16) e il mercoledì (dalle ore 9 alle ore 12).

Aulla, 10 marzo 2017

L’ufficio stampa
SdS Lunigiana

2017-04-21T12:15:42+00:00

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi